19 dicembre, 2018

IL GRUPPO CONSOLARE VISITA LA CENTRALE OPERATIVA DELLA POLIZIA LOCALE DI MILANO

IL GRUPPO CONSOLARE VISITA LA CENTRALE OPERATIVA DELLA POLIZIA LOCALE DI MILANO

Condividi su

SICUREZZA. DELEGAZIONE DEL GRUPPO CONSOLARE DELL’AMERICA LATINA E I CARAIBI NEL NORD ITALIA VISITA LA CENTRALE OPERATIVA DELLA POLIZIA LOCALE DI MILANO

Scavuzzo e Ciacci: “Grande interesse sul tema della sicurezza stradale e volontà di promuovere nelle loro comunità i comportamenti virtuosi”.

Milano, 27 novembre 2018 – Un’ampia delegazione del Gruppo Consolare dell’America Latina e i Caraibi nel nord Italia, ha visitato ieri sera la Centrale Operativa della Polizia Locale di Milano accompagnata dal comandante Marco Ciacci e dalla vicesindaco Anna Scavuzzo.

Oltre alla presidentessa del Gruppo Consolare e Console del Messico a Milano, Marisela Morales Ibáñez, e al vicepresidente Console Generale Ad Honorem del Nicaragua a Milano, Lorenzo Alderisio, la delegazione era composta anche dai Consoli Generali del Cile, Uruguay, Colombia, Bolivia, Brasile, Perù, Repubblica Dominicana, Cuba, dal Vice Console dell’Ecuador e dai consoli onorari della Bahamas, Panama e Haiti.

Il comandante della Polizia Locale di Milano Marco Ciacci ha illustrato loro il sistema di video sorveglianza e le modalità di gestione degli interventi delle pattuglie della Polizia Locale, oltre a presentare alcuni dati sull’incidentalità nel 2017 che vede ai primi tre posti, esclusi gli italiani, egiziani, rumeni e peruviani.

“È anche un dato di fatto – ha spiegato Ciacci – che cittadini di queste nazionalità sono quelli che più frequentemente svolgono attività di consegna merce e quindi svolgono il loro lavoro sempre alla guida. Per questo motivo è importante richiamare l’attenzione sulla sicurezza alla guida”.

“Ho trovato grande interesse da parte dei consoli – ha aggiunto la vicesindaco – al tema della sicurezza stradale e alle cause degli incidenti, e anche una volontà decisa di promuovere attività che richiamino a comportamenti responsabili fra i cittadini delle loro comunità. In particolare la proposta di lavorare insieme per far conoscere e osservare le regole della convivenza rispettosa dei regolamenti e delle norme: c’è da parte loro la volontà decisa di contribuire a informare i loro connazionali al fine di una migliore convivenza e per la consapevolezza dei diritti e dei doveri di ciascuno. Un percorso di sicurezza partecipata che veda protagoniste anche le loro comunità”.

Condividi su

Related posts

shares

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi