01 Marzo, 2021

Orgoglio nazionale e grande partecipazione al seggio milanese per le Elezioni Generali dell’Ecuador

Orgoglio nazionale e grande partecipazione al seggio milanese per le Elezioni Generali dell’Ecuador

Grande affluenza fin dall’apertura del seggio di Milano per le votazioni delle Elezioni Generali 2021 dell’Ecuador: già dalle 9 del mattino, la Comunità Ecuadoriana di tutta la Lombardia si è riversata in massa al MiCo per scegliere il nuovo Presidente e i Membri del Parlamento che guideranno il loro Paese per i prossimi quattro anni.

In base al Censimento Permanente della popolazione elaborato dall’ISTAT, al 31 dicembre 2019 erano 72.644 gli Ecuadoriani residenti in Italia, di cui ben 34.150 nella sola Lombardia e 22.218 distribuiti tra il capoluogo lombardo e la rispettiva Provincia: domenica 7 febbraio, erano un totale di 40.000 gli elettori provenienti da tutto il Nord Italia accreditati al voto nel Recinto Electoral allestito presso Fiera Milano Congressi.

Le operazioni di voto si sono svolte nella massima tranquillità e con grande rispetto per le normative igienico-sanitarie vigenti, grazie anche al perfetto funzionamento della macchina organizzativa, guidata dal Console Generale Lorena Tapia Nuñez, che ha sottolineato a più riprese quanto questa occasione rappresentasse una vera e propria “festa democratica” per tutti gli Ecuadoriani che, pur avendo scelto di vivere a migliaia di chilometri dalla loro terra natìa, non volevano rinunciare a far sentire la loro voce per contribuire a costruire il futuro del loro Paese, nonostante per la legislazione dello Stato sudamericano il voto sia facoltativo e non obbligatorio.

Nonostante la pioggia battente, davanti all’Ingresso numero 3 si sono formate in tutto l’arco della giornata lunghe e disciplinate code di persone che hanno atteso con pazienza di poter accedere alle cabine elettorali per esprimere la loro preferenza tra i sedici Candidati alla carica di Presidente.

Tra i tanti pareri raccolti dai nostri microfoni tra gli elettori intervenuti, spiccano soprattutto le frasi piene d’orgoglio nazionale e il senso di appartenenza ad una Comunità unita che, pur essendosi perfettamente integrata nel tessuto economico-sociale italiano, non smette di pensare a familiari e amici che vivono in Ecuador e tiene moltissimo a sostenere il destino, appoggiandone anche le scelte politiche.

Le regole anti-assembramento imposte dal Comune di Milano a causa del Covid-19 hanno impedito alla Comunità Ecuadoriana di arricchire di folklore la Giornata Elettorale e il divieto di vendere cibo tipico e prodotti di artigianato fuori dal Polo Fieristico è stato rispettato con diligenza e grande responsabilità.

Il seggio si è chiuso alle 19.00 in punto, con dati che indicano la partecipazione di circa 9.500 votanti (circa la metà rispetto alla consultazione precedente), di cui l’ultima giunta correndo a soli due minuti dalla chiusura, per non rinunciare al proprio diritto di voto.

Il Console Generale Nuñez ha espresso tutta la sua soddisfazione per l’impeccabile organizzazione della giornata e per il grande senso di responsabilità del popolo Ecuadoriano, che ha dato una grande lezione di democrazia, partecipazione e senso civico anche all’Italia, Paese che ha accolto i suoi figli e che oggi è stato ricambiato con rispetto ed educazione davvero esemplari.I risultati preliminari delle elezioni del 2021 saranno pubblici dopo la conclusione della giornata elettorale in Ecuador considerando la differenza di orario di 7 ore. Il conteggio finale sarà annunciato ufficialmente dal CNE una volta che tutti i voti saranno inviati dall’estero.


Related posts

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi