18 Febbraio, 2019

PESARO: I BAMBINI TRIQUIS DEL MESSICO AL “3° torneo di “Halloween Bees”

PESARO: I BAMBINI TRIQUIS DEL MESSICO AL “3° torneo di “Halloween Bees”

Condividi su

Pesaro, (ITALIA) – Al via il 3° torneo di “Halloween Bees – 1° trofeo Consultinvest” prenderanno parte anche due squadre molto particolari, che arrivano dal Messico. Stamattina sono stati ricevuti dal Console del Messico a Milano Marisela Morales e dall’assessore allo sport Mila Della Dora nella sala del Consiglio comunale di Pesaro.whatsapp-image-2016-10-30-at-14-07-46

Le due squadre (una composta da 8 bambini del 2004 e 2005 e una da 8 bambini del 2002 e 2003) saranno ospiti delle famiglie dei piccoli Bees per una settimana.

La manifestazione si svolgerà dal 30 ottobre al 1 novembre in tutte le palestre cittadine. Al trofeo si sono iscritte 36 squadre divise in tre categorie. A portare un tocco di internazionalità i bambini Triqui, cresciuti nell’Accademia del basket indigena, che hanno la caratteristica di giocare scalzi. La scuadra e accompagnata dal’allenatore Sebastian Ortiz, in  rappresentanza di Sergio Zuniga, e  di Joel Bello Jaimes  e   Nancy Riveroe membri della delegazione messicana.

Prima punteggio del gioco: Messico triqui 37 Api Pesaro 18.
Punteggio di gioco: triqui Mexico 50, Pall Fermignano 8.

Secondo tempo  la squadra messiana Bambini  Triquis vincono 50-8
Risultato finale: Triquis México 50 Pall Fermignano 8.

L’Accademia di basket indigena del Messico (Abim), è un progetto sportivo fondato alla fine del 2009, dal professor Sergio Zuniga, con l’obiettivo di migliorare, grazie allo studio e allo sport, l’infanzia e le condizioni di vita dei bambini delle comunità triquis di Oaxaca, molte delle quali con gravi problemi di povertà e violenza.

“L’Accademia di basket indigena del Messico è riuscita a essere un punto di riferimento fondamentale sia per lo sport sia per l’istruzione di queste comunità indigene, affette da grave povertà e ritardo educativo – spiega il general manager dei Bees Graziano Sartini -. L’accademia ha insegnato ai bambini a competere, ad affrontare le avversità della vita, con carattere e entusiasmo. E il sogno è che questo progetto iniziato nella regione Triqui, possa portare e replicare in tutto il Paese l’esempio dei ’campioni scalzi della montagna’”.

 

Redazione Tcgnews

Condividi su

Related posts

shares

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi